Er barcarolo romano

Quanta pena stasera,
c’è sur fiume che fiotta così
sfortunato chi sogna e chi spera

tutti ar monno dovemo soffrì
Si c’è n’anima che cerca la pace
può trovalla sortanto che qui

Er barcarolo va contro corente
e quanno canta l’eco s’arisente
si è vero fiume che tu dai la pace

Fiume affatato fammela trovà
Più d’un mese è passato
da quel giorno ch’io dissi: “A Nine’
quest’amore e’ ormai tramontato”
lei rispose: “Lo vedo da me…”
Sospirò, poi me disse: “addio core…
io però nun me scordo de te!”

Je corsi appresso ma, nun l’arivai
la cerco ancora e nun la trovo mai
Si è vero fiume che tu dai la pace

me so’ pentito fammela trovà
Proprio sotto ar battello
s’ode un tonfo ed un grido più ‘n là

S’ariggira je fa er mulinello
poi riaffonna e riassomma più ‘n la
soccorete è ‘na donna affogata
poveraccia penava, chissà?
La luna da lassù fa capoccella
rischiara er viso de Ninetta bella
cercava pace ed io nun je l’ho data

Boiaccia fiume je l’hai data tu!

Donare è una forma di amare. Se ti piace il nostro lavoro, considera la possibilità di fare una piccola donazione.

I commenti sono chiusi.